Moduli Fotovoltaici

I moduli fotovoltaici sono dispositivi in grado di convertire l’energia solare incidente in energia elettrica mediante l’effetto fotovoltaico, tipicamente impiegati come generatori di corrente in un impianto fotovoltaico. I moduli fotovoltaici possono essere esteticamente simili al pannello solare termico, ma, pur avendo entrambi l’energia solare (radiazione solare) come fonte di energia primaria, hanno scopi e funzionamento differenti: il primo produce energia elettrica, mentre quest’ultimo solo acqua calda.

I moduli fotovoltaici in silicio monocristallini o policristallini rappresentano la maggior parte del mercato; sono tecnologie costruttivamente simili e prevedono che ogni cella fotovoltaica sia cablata in superficie con una griglia di materiale conduttore che ne canalizzi gli elettroni. Ogni cella viene connessa alle altre mediante nastrini metallici, in modo da formare opportuni serie e paralleli elettrici.

Si definisce rendimento o efficienza dei moduli fotovoltaici il rapporto espresso in percentuale tra energia captata e trasformata rispetto a quella totale incidente sulla superficie del modulo ed è dunque un parametro di qualità o prestazionale del modulo stesso; esso è quindi proporzionale al rapporto tra watt erogati e superficie occupata, a parità di altre condizioni.

L’efficienza ha ovviamente effetti sulle dimensioni fisiche dell’impianto fotovoltaico: tanto maggiore è l’efficienza tanto minore è la superficie necessaria di pannello fotovoltaico per raggiungere un determinato livello di potenza elettrica.

La cella fotovoltaica, o cella solare, è l’elemento base nella costruzione dei moduli fotovoltaici monocristallini e policristallini. La versione più diffusa di cella fotovoltaica, quella in materiale cristallino, è costituita da una lamina di materiale semiconduttore, il più diffuso dei quali è il silicio, che si presenta in genere di colore nero o blu e con dimensioni variabili da 4 a 6 pollici. Dei molti materiali impiegabili per la costruzione dei moduli fotovoltaici monocristallini e policristallini, il silicio è in assoluto il più utilizzato. Il silicio viene ottenuto in wafer che vengono in seguito uniti tra loro a formare un modulo fotovoltaico.

Le tipologie costruttive delle celle fotovoltaiche più comuni sono:

  •   Monocristallino

La cella formata dal silicio monocristallino è realizzata da un wafer la cui struttura è omogenea (monocristallo), costituita cioè da un singolo cristallo di silicio, il che garantisce una massima conducibilità dovuta al perfetto allineamento degli atomi di silicio allo stato puro.

  •  Policristallino

La cella formata dal silicio policristallino è realizzata da un wafer non strutturalmente omogeneo ma organizzato in grani localmente ordinati; si ottiene riciclando componenti elettronici scartati, i quali vengono rifusi per ottenere una composizione cristallina compatta: le celle di un modulo policristallino o multi cristallino sono costituite da un insieme di più cristalli di silicio.

Importante precisare che tutti i nostri fornitori di moduli fotovoltaici attualmente già aderiscono ad un consorzio RAEE che consente il rispetto dei nuovi obblighi di legge in materia di smaltimento prodotto a fine vita.


  1. SUNERG SOLAR
  • MODULI POLY STANDARD serie X-STYLE (produzione ITALIA):

download: “Datasheet X-STYLE serie XP460-xxx-I+35

  • MODULI MONO celle PERC serie X-MAX (produzione ITALIA):

download: “Datasheet X-MAX serie XM460-xxx-I+35

Tutti i moduli SUNERG sono in CLASSE 1 in merito alla REAZIONE AL FUOCO, scarica il certificato:

SCOPRI PERCHÈ SCEGLIERE I MODULI SUNERG SOLAR, clicca QUI

Iscrizione al consorzio per il riciclo e smaltimento dei moduli a fine vita PV CYCLE per l’anno 2107: “ATTESTATO DI ADESIONE ANNO 2017“.


 2. PEIMAR

NOVITA’ INTERSOLAR 2017

PEIMAR con orgoglio ha anticipato alla fiera Intersolar di Monaco l’apertura di un nuovo stabilimento produttivo a Brescia che permetterà di incrementare di altri 60MW/anno la produzione disponibile, con l’adozione di macchinari nuovi molto performanti, che sfruttano le ultime tecnologie disponibili.

VIDEO NUOVA LINEA PRODUTTIVA (IT)
http://www.youtube.com/watch?v=rIsgq2xNzuk

Peimar si sta confermando una realtà importante con espansione a livello internazionale,.

CORPORATE VIDEO (IT)
http://www.youtube.com/watch?v=R0dUfNUFiGY

Alla fiera Intersolar di Monaco PEIMAR ha presentato un nuovo prodotto, il pannello SG300M, di produzione europea (nuovo stabilimento di Brescia), con le seguenti caratteristiche salienti:

  • monocristallino
  • 300wp, 60 celle
  • tecnologia PERC
  • 5 BusBar
  • cornice anodizzata nera per una estetica migliorata

Grazie ad uno strato di passivazione aggiuntivo sul retro, le celle PERC catturano più luce anche dalla zona posteriore. In tal modo, queste celle sono altamente efficienti e producono più potenza per tutta la durata di vita dell’impianto. Da ottobre organizzeremo dei tour per mostrare il nuovo stabilimento per toccare con mano l’azienda da vicino.

 

  • MODULI POLY STANDARD (produzione ITALIA):

download: “Datasheet POLY serie SGxxxP

  • MODULI MONO ALTA EFFICIENZA 300Wp 5BB celle PERC (produzione ITALIA):

download: “Datasheet MONO High Efficiency serie SGxxxM PERC

ESTESA LA GARANZIA SUL PRODOTTO A 20 ANNI su tutti i moduli PEIMAR venduti a partire dal 01 gennaio 2017!!!

Estensione Garanzia PEIMAR 20ANNI_ITA-01

Tutti i moduli PEIMAR sono in CLASSE 1 in merito alla REAZIONE AL FUOCO, scarica i certificati:


Aleo

 3. ALEO

  • MODULI MONO ALTA EFFICIENZA fino a 310Wp (produzione GERMANIA):

download: “Datasheet MONO High Efficiency serie S19

L’UNICO MODULO FOTOVOLTAICO CON 25 ANNI DI GARANZIA SUL PRODOTTO, scarica l’informativa: “ALEO Power Guarantee – Cosa c’è dietro

Tutti i moduli ALEO sono in CLASSE 1 in merito alla REAZIONE AL FUOCO, scarica il certificato: “CERTIFICATO DI PROVA L.S.FIRE/U05354/01060“.


Va ricordato che la vigente circolare dei Vigili del Fuoco (Circolare n°1324 del 7/2/2012 ‘Guida per l’installazione degli impianti fotovoltaici – Edizione 2012’ e relative note di chiarimento prot. 6334 del 04 mag 2012) richiede che in presenza di attività soggette al CPI (Certificato Protezione Incendi) i moduli fotovoltaici, in assenza di idonea conformazione della copertura, abbiano la certificazione di classe 1 di reazione al fuoco.